Le vostre Ricette

Dolci tipici del Lazio - sciuscella e pangiallo

Due dolci tipici del Lazio: la Sciuscella, tipico dolce gaetano  e il Pangiallo, tipico dolce romano.


DOLCI TIPICI DEL LAZIO – Sciuscella

Tra i vari dolci tipici del Lazio possiamo trovare, a Gaeta (LT), la Sciuscella: dolce natalizio che viene prodotto artigianalmente seguendo ancora l'antica ricetta. Si impastano tra loro miele, farina, zucchero, e cacao profumato con spezie aromatiche come la cannella e i chiodi di garofano.

L'impasto così ottenuto, prima di essere lavorato, deve riposare per almeno un giorno, in modo da garantire un perfetto mescolamento dei vari ingredienti. Subito dopo la cottura le sciuscelle risultano molto dure; con la copertura di una particolare glassa artigianale però, fatta con zucchero e cacao, si può ottenere la morbidezza voluta.

Ingredienti:

  • 1 kg di farina;
  • 500 g di miele;
  • 300 g di zucchero;
  • Lievito (10 g di carbonato ammonico);
  • Cacao;
  • Acqua 250 g;
  • Una manciata di spezie aromatiche (come cannella e chiodi di garofano, secondo la propria volontà).

Per il "Naspro", cioè la glassa finale per rendere il tutto più morbido, gli ingredienti sono:

  • 700 g di zucchero;
  • una manciata di cacao;
  • 150 g di acqua.

 

DOLCI TIPICI DEL LAZIO – Le Sciuscelle: La storia

Le carrube (sciuscelle in dialetto gaetano), legumi molto presenti, soprattutto nei tempi passati con i suoi alberi sul territorio di Gaeta, hanno ispirato questi dolci tipici del Lazio con base di miele, cacao e spezie aromatiche.

Come tutti i dolci tipici del Lazio del periodo natalizio, non prevede nel'’impasto uova; questo ingrediente infatti, oggi sempre disponibile, un tempo era legato al ciclo naturale di produzione e, a dicembre, scarseggiava. Per questi dolci tipici del Lazio non esisteva il nostro zucchero raffinato e il dolcificante per eccellenza era il miele, utilizzato in molte preparazioni.

A Gaeta l'8 dicembre nell'ambito della manifestazione Dolce Natale, organizzata dal Comune, si festeggiano la sciuscella e altri dolci della tradizione locale: una giornata di festa con l’obbiettivo di recuperare tutte produzioni artigianali, cosi diverse e variegate di luogo in luogo, mantenendo cosi la tradizione dei dolci tipici del Lazio.

 

DOLCI TIPICI DEL LAZIO – Il Pangiallo

Tra i dolci tipici del Lazio, oltre ai classici dolci natalizi, troviamo nella cucina romana il Pangiallo. Il pangiallo è uno dei dolci tipici del Lazio lievitato e cotto al forno con la forma inconfondibile di piccola pagnotta formato da: farina, frutta secca e miele.

Tradizionalmente veniva ottenuto dall’impasto di frutta secca, miele e cedro candito, poi cotto e ricoperto da uno strato di pastella d’uovo. Nel tempo si è ampiamente diffuso in tutto il centro italia e quindi anche trasformato, mantenendo però sempre gli ingredienti principali.

Ingredienti:

  • 100 g di noci;
  • 150 g di uvetta sultanina;
  • 175 g di nocciole;
  • 100 g di mandorle;
  • 50 g di pinoli;
  • 100 g di canditi misti;
  • 175 g di miele;
  • 50 g di farina.

 

DOLCI TIPICI DEL LAZIO – Il Pangiallo: La storia

Le sue origini sono legate all'antica Roma. In questo periodo nella capitale dell'Impero Romano veniva distribuito durante la festa del solstizio d’inverno per favorire il ritorno del Sole.

Fino a qualche decade fà, a causa della scarsa disponibilità economica, nella preparazione del pangiallo le massaie romane mettevano i noccioli della frutta estiva (prugne e albicocche) opportunamente essiccati e conservati, al posto delle costose mandorle e nocciole.

Concludendo speriamo di essere stati esaurienti nel proporvi le ricette per questi dolci tipici del Lazio di grande tradizione.

PROGETTO PATROCINATO DA:

    

Contatta Ace LAzio gratuitamente

In Evidenza

Corsi ed Eventi Culinari

Dicembre 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Vendita e Nolegio Gazebo

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ristorazione